Serie TV

Absentia

Siamo nel 2011: proprio mentre é sulle tracce di uno dei più famosi serial killer attivi a Boston, l’agente FBI Emily Byrne (Stana Katic) scompare misteriosamente. Sei anni più tardi, dopo che Emily era già stata dichiarata morta e che suo marito si era risposato (con la donna che suo figlio chiama già da tempo mamma), una telefonata porta di nuovo all’attenzione degli inquirenti la triste vicenda.

Nel cuore della notte, infatti, il marito di Emily, anch’egli agente FBI, riceve una telefonata da quello che sembra essere il principale sospettato per la morte della moglie (ma che si trova in carcere da tempo per altri crimini), che gli fornisce indicazioni precise sul luogo in cui la donna si trova, tenuta in ostaggio. Vincendo ogni dubbio e reticenza, le forze dell’ordine troveranno effettivamente Emily, ad un passo dalla morte per annegamento, in una grossa gabbia piena d’acqua all’interno di una baita isolata.

absentia

Absentia – immagine by IMDB

Comprensibilmente spaventata e con un gigantesco stress post-traumatico da affrontare, sembra non ricordare nulla di quanto successo sei anni prima, ma non per questo ha perso la grinta e la determinazione dell’agente che é stata, tant’è che si metterà da subito a disposizione della polizia per trovare il suo aguzzino. Ma se la nuova consorte del marito e il grosso trauma non fossero abbastanza per Emily, inizieranno a farsi largo indizi e voci sul suo coinvolgimento in alcuni crimini.

Con i suoi toni noir e la determinazione a coinvolgere lo spettatore nelle stesse emozioni dei protagonisti, Absentia rappresenta un piccolo gioiello di narrazione visiva, che può contare sul talento indiscusso della Katic ed una scrittura eccellente, con la sola pecca di tempi leggermente dilatati.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.