Il tre volte dottore Dr Jason Bull (perché in possesso di tre specializzazioni-dottorati) è un famoso psicologo a capo di un prestigioso studio di assistenza legale. Gli avvocati, i consulenti di immagine e gli esperti informatici che lavorano per Bull si occupano di analizzare la vita e i comportamenti dei membri della giuria popolare a cui spetta emettere il verdetto di molti processi. Il loro modo di operare si basa sull’analisi delle abitudini e della cosiddetta comunicazione non verbale, che sfiorando continuamente il confine tra legalità ed illecito, fornisce indicazioni precise agli avvocati del loro cliente: come orientare la linea di difesa, come vestire l’imputato per fare una migliore impressione su un giurato in grado di influenzarne altri e tanto altro.

Forse moralmente discutibile, seppur accurato e basato su dati oggettivi, il lavoro del Dottor Bull e quanto raccontato in questa nuova serie CBS, si ispira alla vera storia di Phil McGraw, proprio quel “Dr. Phil” che é una vera e propria istituzione del palinsesto televisivo americano.

Ma Bull era atteso anche e soprattutto perché avrebbe segnato il ritorno in tv in un ruolo diverso da quello dell’Agente NCIS Tony DiNozzo, ricoperto per ben 13 anni, sempre sulla stessa emittente. Michael Weatherly voleva (e ne aveva ogni diritto) scrollarsi di dosso quel ruolo e mettersi in gioco in qualcosa di nuovo, ma la sua scelta è caduta su un qualcosa che tutti gli spettatori avevano già visto: Bull é infatti molto simile a quel Lie to Me che non troppi anni fa stupì pubblico e critica.