Serie TV

Fear the Walking Dead

Con i suoi 10 milioni (ed oltre) di spettatori, il pilot di Fear the Walking Dead, spinoff del celebre e celebrato The Walking Dead, ha alzato ulteriormente l’asticella del record di ascolti per l’emittente AMC.

Non ci aspettavamo scenari molto diversi, ripensando alla macchina mangia-spettatori e macina soldi che è la serie madre, diventata un fenomeno di costume in pochissimo tempo, attirando fan fedelissimi e rimasti tali nonostante bruschi cambi di regia e sceneggiature non sempre all’altezza delle aspettative.

Fear the Walking Dead inizia esattamente dove iniziavano le nostre domande durante la visione del pilot della serie madre, proprio quando lo sceriffo più odiato dai non morti si sveglia dal coma e scopre che il mondo è cambiato. Radicalmente. Conosceremo i nostri nuovi protagonisti, che ci accompagneranno per la prima breve stagione (6 episodi): una famiglia allargata come tante, composta da Madison, insegnate e consulente scolastica, il compagno e collega Travis, i due figli di lei ed il figlio (con il bonus dell’ex moglie) di lui.

Fear the Walking Dead si colloca quindi all’inizio della fine, quando il misterioso “morbo” farà la sua comparsa negli Stati Uniti. Il primo della famiglia ad approcciarsi ad un non morto sarà Nick, figlio tossicodipendente di Madison, che si ritroverà faccia a faccia con un banchetto a base di cervello ed interiora e verrà, ovviamente, preso per matto o sotto l’influenza di qualche potente oppiaceo.

Nel pilot, che condivide con la serie madre anche i ritmi (leggasi immane lentezza), è tutto ancora da scoprire, le notizie sono poche e gli ignari cittadini non sono minimamente pronti per la catastrofe che sappiamo giungerà da lì a poco.

Ai fan più attenti non saranno sfuggiti i parallelismi tra i primissimi minuti di questo spinoff e gli altrettanto precoci momenti di The Walking Dead, gioia per gli occhi di tutti gli appassionati un po’ pignoli come la sottoscritta.

     

Man doesn’t stand a chance against nature. Nature always wins.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.