Serie TV

Gypsy

Jean Holloway (Naomi Watts), di professione psicoterapeuta, ha uno studio ben avviato ed una bella famiglia, composta dal marito Michael (Billy Crudup) e da una splendida bambina. All’apparenza la donna conduce una vita quasi perfetta, fatta di soddisfazioni professionali e affetti ricambiati.

Gypsy

Gypsy – immagine by IMDB

Ma bastano poche altre scene di Gypsy, produzione originale Netflix per l’estate 2017, per mostrarci uno scenario ben diverso. A quanto pare la bella Jean non solo é una pessima psicoterapeuta, di quelle che si fanno troppo coinvolgere dalle vicende dei suoi pazienti, ma é anche una moglie e mamma egoista e poco attenta. Inoltre, la donna ha appena iniziato una relazione tormentata e pericolosa con un’altra donna, la bella barista Sydney (Sophie Cookson) che si rivelerà poi essere la ex fidanzata di un paziente della stessa Jean.

Controcorrente e anticonformista, Gypsy punta tutto sull’originalità, sul ripudio totale di schemi pre-costituiti e banali, regalando allo spettatore un mosaico di situazioni al limite, ma sempre dipingendo un personaggio negativo, un’anti-eroina come non se ne vedono spesso. Peccato solo che nel tentativo di creare il capolavoro dell’anno, Netflix abbia commesso il fatale errore di badare troppo a costruire la doppia vita della protagonista e poco al contorno: un errore che ha disaffezionato il pubblico fin da subito e che ha visto il destino della serie segnato dopo appena una stagione.

gypsy

Gypsy – immagine by IMDB

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.