Agli albori del XVII secolo, per poter ricominciare una nuova vita, lontano da casa e senza che nessuno possa giudicarti in base al tuo nome o al tuo passato, bastava attraversare l’Atlantico. Nel 1619, anno in cui é ambientata Jamestown, il Nuovo Continente, scoperto da poco più di un secolo, era ancora terra da colonizzare, ricca di opportunità per gli Europei che cercavano ricchezza e anonimato lontani dalla madre patria.

Potrebbe essere un’occasione imperdibile per le tre protagoniste, tutte donne, di questa nuova serie scritta da Bill Gallagher. Tre uomini già insediati nelle colonie, pagano il viaggio ad altrettante signorine, per poter avere una sposa proveniente dalla terra natìa con il minimo sforzo e senza conoscere nemmeno la futura consorte.

il cast di Jamestown
il cast di Jamestown – immagine by IMDB

Verity (Niamh Walsh), in cerca di riscatto dopo l’esperienza in carcere, viene data in sposa ad un ubriacone poco raccomandabile, proprietario della taverna del paese; la romantica Alice (Sophie Rundle) sogna il grande amore con il bel Silas, ma il destino l’ha voluta sposa del fratello Henry, un agricoltore decisamente poco raffinato e gentile; Jocelyn (Naomi Battrick), che vanta un passato da aristocratica ma della cui vita conosciamo ben poco, inizierà da subito a progettare il proprio futuro e quello del marito, che lei vorrebbe come futuro governatore.

Jamestown non ci racconta nulla di nuovo e ben poco ci emoziona. Buona l’idea di raccontare il periodo coloniale dal punto di vista femminile, ma la scelta dei protagonisti e il poco coraggio nel tessere la trama che li coinvolge rendono questa serie decisamente anonima.