Serie TV

Lucifer

Quando il Signore degli Inferi in persona si annoia, decide di scappare dal suo Regno Infernale e concedersi una vacanza sulla terra abitata da noi mortali. Sceglie Los Angeles come sua dimora e mantiene il suo nome da ex angelo, Lucifer Morningstar, nome che lui stesso ricorda essere stato scelto appositamente per lui da Dio in persona.

Allow me to introduce myself. Lucifer Morningstar.

 

  

Quello che osserviamo in questo show targato FOX è però un Lucifer diverso sia da come dovrebbe essere che da come spesso ce lo immaginiamo. Egli si gode la bella vita tra donne e soldi facili, ma dimostra anche un livello di empatia insolito per un demone. In seguito alla morte di una sua amica, che lui stesso ha aiutato a far carriera nel campo musicale, Lucifer si mostra prima arrabbiato, poi determinato a scovare il colpevole per vendetta.

Per fare questo, si troverà coinvolto nelle indagini della polizia, che affida il caso al detective Chloe Dancer, ostracizzata per aver espresso le sue riserve sulla risoluzione di un caso da parte di alcuni colleghi e decisa a rimettere sul giusto binario la sua carriera. Per lei non sarà affatto semplice considerato che è anche una madre single con una figlia piccola e che il suo ex compagno e padre della bambina è anche un suo collega.

  

Inoltre, la bella detective, sembra anche essere immune al fascino di Lucifer, la cui abilità più utile per risolvere il caso sembra essere quella di spingere le persone a confessare ogni loro oscuro desiderio.

La serie, ufficialmente in onda nel 2016 ma il cui pilot è stato diffuso prematuramente questa estate, si presenta come un comune procedural, con un caso da risolvere in ogni puntata e il nostro angelo caduto che aiuterà la polizia nelle indagini. Tratto dal fumetto omonimo della Vertigo Comics (per intenderci, la collana che ci ha dato anche Constantine e il più fortunato iZombie), la serie sembra discostarsi abbastanza dalla carta stampata. Staremo a vedere l’evoluzione nel corso delle puntate, sperando in qualcosa di meglio di quanto visto nei primi 40 minuti.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.