Serie TV

Manhattan

Nel pieno della seconda guerra mondiale, viene implementato il “progetto Manhattan” con il quale un gruppo di brillanti fisici e scienziati stanziati nella città di Los Alamos (New Mexico) con le proprie famiglie, cerca in ogni modo di studiare e realizzare un ordigno nucleare, prima che sia troppo tardi. Concept di grande fascino ed interesse, non riesce però a mantenere viva l’attenzione dello spettatore in quanto tende a concentrasi eccessivamente sulle vicende personali dei vari personaggi,di cui francamente non importa un ciufolo a nessuno, almeno in questi primi episodi. La materia trattata è sicuramente troppo complessa per un format televisivo e risulta quindi necessario non ammorbare la sceneggiatura con formule di fisica pratica e teorica ma,se c’è una cosa che quella perla di Halt and Catch Fire può insegnare, è il prendere una materia astrusa ed incomprensibile alla massa (in quel caso l’informatica) e trasformarla in qualcosa di appetibile e coinvolgente, considerato sopratutto il fatto che i computer ormai sono estensioni di noi stessi e quindi un minimo di conoscenza delle loro origini dovrebbe essere obbligatoria. Ecco, dove HaCF riesce in modo brillante, Manhattan invece rovina penosamente, non riuscendo a trovare un equilibrio saldo e scadendo in maniera sempre più veloce nella noia. Ed io che aspettavo una serie esplosiva….   

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.