Serie TV

Marvel’s Jessica Jones

Facile cadere nell’errore di approcciarsi a Jessica Jones con l’entusiasmo di chi ha avuto solo lodi per Daredevil, il “fratello maggiore”. Stessa location (Hell’s Kitchen, New York), stesso tema (supereroi contro un super villain) e stesso denominatore comune (la coppia Marvel/Netflix), eppure una differenza abissale. Nell’errore di paragonare le due serie siamo caduti un po’ tutti, ancora ebbri della bellezza del vendicatore senza paura, e forse anche per questo che i primi episodi di Jessica Jones ci sono sembrati noiosi. Ma basta un pizzico su una guancia per tornare alla realtà: Jessica Jones e Daredevil sono personaggi diversi, hanno un background diverso ed è quindi, normale, che le due serie che li vedono protagonisti siano, per l’appunto, diverse. Dobbiamo imporre a noi stessi questa premessa per non rimanere troppo delusi: se cerchiamo in Jessica Jones l’adrenalina, le atmosfere e la fotografia che ci avevano galvanizzato in Daredevil, ovviamente rimarremo delusi; se invece ci approcciamo a questa eroina decaduta con uno spirito libero da confronti e pregiudizi, riusciremo ad apprezzare tutto il bello di questo thriller noir.

Marvel’s Jessica Jones non è una storia di eroi con superpoteri che lottano contro il male per salvare la città o l’umanità, bensì la storia di una ragazza con poteri particolari che ha subìto un forte trauma e cerca di vendicarsi di un ex violento e manipolatore. Una storia comune a molte donne, che però non hanno una superforza o la capacità di saltare molto in alto. E al centro di tutto c’è proprio il trauma subìto da Jessica, ex eroina in costume che si ritrova ad affrontare un enorme disturbo post traumatico da stress dopo che un fidanzato manipolatore l’ha spinta ad uccidere una persona innocente contro la sua volontà.

Rimasta orfana da adolescente in seguito al più classico degli incidenti automobilistici, Jessica viene adottata dalla famiglia di una giovane star televisiva ed inizierà a notare la comparsa dei suoi poteri, che non terrà mai né nascosti né troppo pubblici. Dopo una breve parentesi da eroina “ufficiale”, Jessica incontra l’uomo che le cambierà la vita: Kilgrave, affascinante englishman con un debole per il colore viola. Anche Kilgrave possiede un superpotere, quello di controllare la volontà delle persone. Utilizzando questa abilità esclusivamente per fini egoistici, Kilgrave finisce per invaghirsi di Jessica, costringendola ad intrecciare con lui una relazione sentimentale del tutto insana, da cui la giovane riesce ad uscire a fatica e con non pochi traumi.

They say that talking about a trauma…that it helps. That and jogging; two things that make me feel like crap.

Nel tentativo di rimettere in sesto la propria vita, Jessica appende il costume al chiodo e apre una propria attività da investigatore privato, la Alias Investigation. Dopo un periodo di apparente tranquillità, fatta di appostamenti per cogliere sul fatto coniugi infedeli, deve occuparsi di un caso di persona scomparsa che le darà motivo di sospettare del ritorno nella sua vita di Kilgrave.

Una serie con poca azione ma tanta psicologia, un lungo viaggio nella mente del killer e della sua vittima preferita, che si inseguono a vicenda per tutti i 13 episodi della prima stagione. Jessica è una donna forte, con un caratteraccio e con dei superpoteri che nonostante tutto incappa in una relazione violenta: è la dimostrazione che nessuna di noi è immune a queste cose e che uscirne è doloroso per tutte. Da parte sua, Kilgrave è un super-cattivo, un manipolatore che crede di essere nel giusto, completamente ossessionato da Jessica e senza alcun rimorso.

You are a hard drinking, short-fused, mess of a woman.

Marvel’s Jessica Jones è quindi una serie molto noir, introspettiva, in cui l’azione è assolutamente secondaria. La lotta tra l’eroe e l’anti-eroe (categoria nella quale può rientrare anche la stessa protagonista) è completamente psicologica, i protagonisti assoluti sono le personalità dell’ex coppia disfunzionale. Con le sue atmosfere scure e fumose e la colonna sonora jazz con sprazzi di rock, Marvel’s Jessica Jones non poteva avere il ritmo e l’azione di Daredevil. Nel confronto diretto perde moltissimo, ma, e qui mi ripeto ancora una volta, se analizzata come creatura a sé, è un ottimo prodotto, coinvolgente ed impreziosito da un David Tennant in grado di rubare la scena a tutto il resto del cast.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.