Serie TV

Mindhunter

Se siete appassionati di crimini, criminali e criminologia, avrete sicuramente sentito parlare di Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit, libro di John E. Douglas che racconta la genesi dell’unità speciale dell’FBI specializzata nel profiling, ossia lo studio del comportamento criminale.

Abbiamo già visto molto del lavoro di Douglas in molte alte produzioni televisive, prima fra tutte Criminal Minds, ma questa volta Netflix ha scelto di omaggiare il papà di tutti i profiler nella maniera più fedele possibile, attraverso una trasposizione di quanto contenuto nel libro. Conosceremo quindi un giovane negoziatore dell’agenzia federale, frustrato da un lavoro che non lo soddisfa a pieno e la sua irruenta comparsa nella vita lavorativa di Bill Tench.

mindhunter

Mindhunter – immagine by IMDB

Ad interpretare Holden Ford (personaggio ispirato a Douglas) troviamo Jonathan Groff, mentre nei panni di Tench (il cui personaggio é ispirato a Robert Ressler, altro pioniere del criminal profiling), Holt McCallany. I suoi diretti superiori accolgono la richiesta di Ford di avere un ruolo nella nuova unità di analisi comportamentale di Tench, vista con scetticismo anche dagli agenti FBI stessi. I due hanno l’incarico di girare per uffici federali e di polizia locale a tenere dei seminari sulle nuove tecniche di indagine, basate su schemi di comportamento criminale, ma non passerà troppo tempo che Ford e Tench si ritroveranno a colloquio con alcuni criminali già dietro le spalle. La loro idea é infatti quella che riuscendo a comprendere il meccanismo mentale e le motivazioni dietro alcuni crimini, si potrebbero trovare degli schemi universalmente validi, utili per risolvere casi irrisolti.

mindhunter

Mindhunter – immagine by IMDB

La serie é prodotta da David Fincher, che su Netflix ha già vinto un Emmy per la regia di House of Cards, e da Charlize Theron.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.