Film

Philomena

Una storia vera e drammatica sulla forza di un legame di sangue e sull’ingiustizia, o meglio, sulla prepotenza ed arroganza che trovano terreno fertile nell’ignoranza e la povertà.
Questa è l’estrema sintesi di Philomena, pellicola britannica di forte impatto emotivo, il cui punto forte risiede nell’incontro tra due personalità che più distanti non potrebbero essere: l’anziana signora umile e semplice, cattolicissima nonostante tutto e con una buona parola per tutti, dall’altro il cinico giornalista ateo, in crisi personale e professionale, disilluso da tutto e tutti.
Entrambi affrontano questa “avventura on the road” tentando di ricostruire la vita di Anthony attraverso i ricordi di chi lo ha conosciuto e lo fanno a modo loro: Philomena con tanta dolcezza e la speranza che il suo bambino perduto avesse conservato qualche ricordo delle sue origini, e Martin con un ritrovato piglio da cronista, che non esita a condannare l’atteggiamento del clero e  non smette mai di porsi domande.

Un film reale ed intenso, insomma, che poteva facilmente diventare un drammone pesantissimo ma in cui è stato aggiunto un pizzico di humor e atmosfera da commedia inglese che ha reso il tutto più sopportabile.
Non è un film a cui darei un Oscar, ma rimane un buon prodotto.

“Mi chiedevo quale fosse il peccato maggiore: aver partorito o aver mentito?”

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.