Film

Rammstein in Amerika (Konzert)

Potrebbe essere la cosa più bella che io abbia avuto il piacere di guardare in questo 2015 che inesorabilmente volge al termine. In attesa di poter recensire quello su Amy Winehouse e dopo aver apprezzato con riserva Cobain: Montage of Heck, eccomi di nuovo a parlare di documentari musicali.

Parlando dei Nirvana e del loro leader, non mi sono mai soffermata molto a parlare su chi fossero i Nirvana e cosa avessero rappresentato. Forse ho peccato di superficialità, pensando che almeno due generazioni, la mia e quella dei ragazzini di oggi, non possano non conoscere Kurt Cobain (perchè se ne parla ancora, perchè si paragona spesso Cobain ad altre rock star morte troppo presto, per tanti motivi). Ma dovendo parlare dei Rammstein, il dubbio di dover spendere due parole su di loro mi è tornato.

CHI SONO I RAMMSTEIN?

Esponenti del “New German Hardness”, branca del metal nato nella Germania nell’immediato post abbattimento del Muro di Berlino, caratterizzato da pesanti influenze industrial e techno, sono attivi dal 1994. Pur cantando quasi esclusivamente nella loro lingua madre (tedesco), hanno da subito un grande successo internazionale e, complici uno stile unico e dei concerti spettacolari, rimangono ancora un punto di riferimento per il metal europeo.

Poche parole, assolutamente insufficienti per descrivere il fenomeno Rammstein, spesso liquidati dalla critica come esagerati, violenti e di nicchia. Ma basta osservare i numeri che negli anni hanno caratterizzato concerti ed uscite discografiche per capire che la “nicchia” è in realtà ben più ampia. Senza aver mai cambiato line up dalla fondazione (un evento più unico che raro), sono riusciti a rimanere un punto di riferimento e trovare sempre nuovi fan, pur rimandendo sempre fedeli al loro stile iniziale. Stile che in questo documentario anche i neofiti impareranno a conoscere, così come i seguaci di lunga data ripercorreranno alcune delle tappe più importanti della carriera dei propri beniamini.

Il documentario che ripercorre la lunga strada percorsa dal gruppo tedesco si concentra sull’America, dai primi concerti come band di supporto fino al trionfale concerto al Madison Square Garden del 2010, che sarà il contenuto di un altro DVD contenuto nel cofanetto esclusivo “Rammstein in Amerika”.

RAMMSTEIN IN AMERIKA

Concert film “Live from Madison Square Garden” (101 min.) Documentary “Rammstein in Amerika” (122 min.) Making-of the album “Liebe Ist Für Alle Da” (21 min.) Fonte e maggiori info QUI.

Due ore di filmati anche amatoriali e di interviste, al gruppo e ad altri musicisti, in cui ci viene raccontato lo stupore suscitato oltreoceano da un gruppo di individui a cui piace giocare con il fuoco (letteralmente). Testimonianze vip di spessore, una lunga intervista ad ogni membro del gruppo e alcuni aneddoti curiosi sono gli ingredienti che rendono il documentario Rammstein in Amerika una perla preziosa.

“Ospiti” illustri che ritroveremo nel documentario sono Marilyn Manson, Iggy Pop, Steven Tyler,  Jonathan Davis dei Korn, Scott Ian degli Anthrax, Moby, System of a Down, Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers.

Con un sottofondo musicale fatto per lo più della base di “Amerika”, brano di qualche anno fa dedicato alle forti contraddizioni della nazione e l’utilizzo costante della voce narrante che commenta episodi ed immagini, Rammstein in Amerika possiede il ritmo giusto per non annoiare mai, nonostante la notevole lunghezza (2 ore).

Un regalo perfetto per gli amanti della musica europea, un documentario tecnicamente ineccepibile e che per di più appassiona, da vedere prima di gustarsi il DVD del concerto, per la cui realizzazione sono state utilizzate ben 14 videocamere ad alta risoluzione.

Tracklist di Live From Madison Square Garden   1. “Rammlied” 2. “B*********” 3. “Waidmanns Heil 4. “Keine Lust” 5. “Weisses Fleisch” 6. “Feuer Frei!” 7. “Weiner Blut” 8. “Fruhling in Paris” 9. “Ich Tu Dir Weh” 10. “Du Reichst So Gut” 11. “Benzin” 12. “Links 2 3 4” 13. “Du Hast” 14. “Pussy” 15. “Sonne” 16. “Haifisch” 17. “Ich Will” 18. “Engel”

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.