Premetto che ho adorato sia i fumetti da cui questi film sono tratti, sia il primo capitolo della saga; premessa necessaria per dire che questo secondo adattamento cinematografico della graphic novel di Frank Miller non mi è piaciuto per niente.
Probabilmente è a causa dell’eccessivo hype che girava intorno a questo titolo o al fatto che siano passati quasi dieci anni dal primo Sin City ma l’unica sensazione che mi ha lasciato la visione di “A Dame To Kill For” è un misto tra la noia e il fastidio; noia in quanto quello che ha reso interessante ed innovativo il primo episodio dal punto di vista visivo, in questo caso sapeva solo di “già visto” togliendo molto  all’interesse, fastidio semplicemente perchè attendevo questo film da una vita e non mi aspettavo di rimanere delusa.
A parte le mie lamentele, ADTKF si snoda in cinque sezioni:
1. ” Just Another Saturday Night
Marv (Mickey Rourke) cerca di capire cosa ci faccia di sabato sera sull’autostrada prospiciente la zona dei Projects con una cinquantina di sconosciuti morti ai suoi piedi.
2. “The Long Bad Night (part 1)
Problemi da parte di un giocatore d’azzardo con il paparino che risponde al nome di Mr Rourke  (devo ancora capire l’utilità di questa storia).
3.” A Dame to Kill For
Eva Green perennemente ignuda cerca di convincere Dwight McCarthy (Josh Brolin) a spedire al Creatore il suo maritino cattivo così da poter finalmente trottare verso il tramonto insieme ed invece lei stessa si rivela essere una grande manipolatrice, ma a questo punto già non importa più niente a nessuno.
4.”The Long Bad Night (part 2)
Il giocatore d’azzardo di cui sopra non pago di averci rimesso tre dita e un bel paio di scarpe giocando a poker contro Rourke, ci rimette anche la vita quando torna di nuovo al suo tavolo da gioco
5.”Nancy’s Last Dance”
Nancy Callahan (Jessica Alba) ha bisogno di andare da un bravo psichiatra perchè vede e chiacchiera con il fantasma di John Hartigan (Bruce Willis) e quindi non si sa perchè si sfigura,taglia i capelli,diventa la copia di Isabel Salander e galoppa verso Rourke per vendicarsi della morte di Hartigan, trascinandosi dietro anche Marv che evidentemente non aveva nulla di meglio da fare.

Da visionare solo per affetto verso i personaggi del fumetto.