Serie TV

The Mist

Nell’universo in scala di grigi del mondo cartaceo di Stephen King, i racconti sono stati più di una volta fonte di ispirazione per serie tv estive. L’ultimo esempio é stato Under the Dome, esperimento estivo iniziato male e finito peggio che ci aveva mostrato le dinamiche di convivenza all’interno di un ambiente ristretto. The Mist sembra ripercorrere esattamente gli stessi passi, raccontandoci – senza nemmeno troppe spiegazioni – dei giorni in cui la vita tranquilla di una cittadina qualsiasi sia drasticamente cambiata.

Frances Conroy

Frances Conroy in The Mist – immagine by IMDB

Siamo a Bridgeville, nel Maine. In un giorno uguale a tanti altri, all’improvviso una densa nebbia avvolge le strade. Il disagio non sarà però solo la ridotta visibilità: la nebbia sembra infatti un essere senziente piuttosto che un fenomeno atmosferico. Segue determinati individui e si fa via via più densa o più rada; inoltre nasconde e rilascia animali molto aggressivi, soprattutto insetti, che attaccano le persone, uccidendole.

Inevitabilmente, i poveri abitanti di Bridgeville si chiuderanno in casa o nei luoghi di aggregazione come ospedali e centri commerciali, sperando che qualche organo ufficiale o forza di polizia li rassicuri, spieghi loro cosa sta effettivamente succedendo e quando finirà l’emergenza. E mentre anche noi spettatori cerchiamo di venire a capo del mistero della nebbia, sotto i nostri occhi scorreranno le vite e le emozioni dei protagonisti, costretti loro malgrado a confrontarsi tra loro e con loro stessi.

Alyssa Sutherland e Gus Birney

Alyssa Sutherland e Gus Birney in The Mist – immagine by IMDB

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.