Serie TV

Defiance

Joshua Nolan, ex soldato, è in viaggio con la figlia adottiva aliena Irisa (razza Irathient), inseguendo il mito dell’Antartide come terra ospitale e calda. Durante il loro peregrinare, arrivano a Defiance, ex Saint Louis, città natale di Nolan, dove per una serie di coincidenze e nobili motivazioni, si ritroveranno a rimanere.

Tra un flashback e l’altro scopriamo di trovarci nel 2046, 30 anni dopo lo sbarco massiccio sul pianeta di 7 diverse razze aliene e dopo una lunga guerra. Dopo tanta distruzione, odio e una buona dose di terraformng la Terra appare molto cambiata e le cose sembrano ulteriormente complicate in una città di confine come Defiance, dove convivono molte razze, idee, religioni e tradizioni.

Se da questa descrizione vi sembrerà di rivedere Battlestar Galactica, non vi illudete, non lo è.

Al di là dell’aspetto antropologico e survivalista, questa serie regala ben poche novità: siamo costretti a ricordare nomi e caratteristiche di mille razze diverse – manco fossimo a Westeros – e i dettagli del passato, la cosìddetta mitologia alla base degli eventi narrati, ci viene presentata a spizzichi e bocconi. La serie incuriosisce ma non affascina, concentrata com’è ad apparire perfetta negli effetti speciali ed i costumi.

Curiosità: Wikipedia ci elenca e descrive le razze presenti su questa Terra del futuro come meglio non avrei potuto fare.

P.S. Considerato quanto SyFy stia investendo su questa produzione, tra merchandise, videogames e pubblicità, mi aspetto un miglioramento in un futuro non troppo lontano.

 

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.