Un tempo lontano, nell’antico Egitto, uomini e divinità convivevano, gli uni al servizio degli altri. Gli Dei erano sovrani indiscussi e assumevano a seconda delle esigenze, sembianze antropomorfe o sembianze animali, avevano oro liquido nelle vene al posto del sangue ed erano incredibilmente longevi. La loro natura divina non li rende però immuni all’odio e alle faide familiari. Quando il re Osiride decide che é giunta l’ora di lasciare il trono e le responsabilità a suo figlio Horus (Nikolaj Coster-Waldau), il re del deserto Seth (Gerald Butler), fratello dello stesso Osiride, interrompe la cerimonia di incoronazione, uccide il vecchio sovrano e acceca Horus. Senza la fonte principale del suo potere (gli occhi), Horus é costretto all’esilio e Seth prende tra le sue mani tutto il potere, riducendo in schiavitù la popolazione. Perde la sua libertà anche la giovane Zaya (Courtney Eaton), costretta a lavorare alle dipendenze di Urshu (Rufus Sewell), architetto prediletto del sovrano, che cerca di convincere il suo fidanzato Bek (Brenton Thwaites), che vive di espedienti, a restituire gli occhi a Horus, dopo averli rubati da un magazzino nel palazzo reale. Durante il tentativo Zaya rimane uccisa da una freccia scoccata da Urshu, così Bek decide di scendere a patti con Horus: gli restituisce uno solo dei suoi occhi e promette di lasciargli anche l’altro se permetterà all’amata Zaya di tornare dal mondo dei morti.

Gods of Egypt - immagine by tmdb.org
Gods of Egypt – immagine by tmdb.org

La strana alleanza tra il giovane ladruncolo e il dio li porterà al cospetto di Ra, potente divinità e nonno di Horus e di fronte all’enigmatica Sfinge, prima di poter strappare la corona dal capo del perfido Seth.

Gods of Egypt é un progetto ambizioso, costato più di 140 milioni di dollari solo per la produzione. Ci dispiace particolarmente, quindi, constatare che a dispetto di alcuni nomi importanti e un eccesso di combattimenti e scene d’azione, il prodotto che ne é risultato é un qualcosa simile ad un minestrone, in cui gli sceneggiatori hanno buttato dentro l’intera mitologia dell’antico Egitto, incuranti sia di rispettare gerarchie e storie che il comune buon senso, regalando al pubblico un pastrocchio farcito di CGI pacchiana e fastidiosa.

Gods of Egypt - immagine by tmdb.org
Gods of Egypt – immagine by tmdb.org