Serie TV

Eli Stone

eli stone

Se eravate tra i fan di Ally McBeal e del suo microcosmo legal-comedy farcito di Barry White, visioni di bimbi danzanti e assurdità sul luogo di lavoro, troverete in questo Eli Stone il perfetto corrispettivo al maschile.

Anche in questo caso, infatti, siamo di fronte ad un brillante avvocato, ma stavolta lo troviamo inizialmente diverso dalla tenera e impacciata Ally. Un giorno però l’atteggiamento di Eli (questo il nome del nostro protagonista) cambia: in seguito ad alcune allucinazioni veramente assurde, prima fra tutte George Michael che canta in salotto, scopre di avere un aneurisma, all’atto pratico una granata innescata in testa.

george michael ed eli stone

Il cinico avvocato di San Francisco decide che questa infausta diagnosi può nascondere anche del buono e decide di cambiare radicalmente il suo approccio verso il lavoro e la vita stessa.

In ogni episodio vedremo infatti lo sgomento dei colleghi di fronte alla spensieratezza e all’altruismo di Eli, che spesso ha le sue visioni nel bel mezzo dello studio e vede i seriosi colleghi impegnati in canti e balli in costume.

eli stone

Una serie che, avrete capito, riesce a far sorridere e piangere, che affronta la malattia di Eli con leggerezza ma senza mai banalizzarla, che ci ha regalato davvero dei bei momenti e che, a mio avviso, è stata cancellata troppo presto.

eli stone

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.