Film

Coco

Alla famiglia del giovanissimo Coco Rivera (Anthony Gonzalez) é stato proibito da generazioni di dedicarsi alla musica, a causa del comportamento di un antenato, talentuoso musicista messicano. Ma Coco coltiva un grande sogno: diventare un musicista di successo come il suo idolo, Ernesto de la Cruz (Benjamin Bratt).

Determinato ad inseguire il suo sogno, Coco finirà per rubare una chitarra in un cimitero, aprendo un portale verso il regno dei morti.

coco

Coco – immagine by IMDB

Come il cinema ci ha ormai abituato, il regno dei morti é coloratissimo e allegro, lontano anni luce dalle nostre convinzioni sulla morte. In questa realtà parallela in cui i defunti di tutte le ere “vivono” in allegria, Miguel inizierà un percorso (sia reale che metaforico-personale) insieme ad un nuovo amico, Hector (Gael García Bernal) che lo porterà a scoprire anche la vera storia dietro la leggenda che riguarda la propria famiglia.

coco

Coco – immagine by IMDB

Ispirato alla tradizionale festa del Dìa de Los Muertos messicana, in cui si commemorano i defunti, Coco é un coloratissimo omaggio alla famiglia, in piena armonia con lo stile Disney: buoni sentimenti, viaggi alla scoperta di se stessi e l’immancabile lieto fine. Il film ha avuto una genesi turbolenta, legata a molte polemiche sull’iniziale idea della Disney di registrare il marchio Dìa de Los Muertos (idea che ha fatto letteralmente infuriare metà del Centro America) e al fatto che appena trapelati i primi dettagli sulla trama, si sono subito evidenziate notevoli analogie con un film di qualche anno fa, The Book of Life. In effetti le somiglianze ci sono e sono evidenti, ma Coco riesce comunque ad avere una “personalità” propria: originale nella storia e nei personaggi, é perfetto per chi ama guardare film intrisi di sentimento (come Inside Out di qualche tempo fa, sempre di produzione Disney), magari sotto le feste natalizie.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.