Film

Horns

Forse sarebbe stato più logico scrivere questa recensione/opinione PRIMA di Halloween, ma mai avrei voluto che a qualcuno venisse voglia di vedere questo film. Perchè spesso le recensioni sono fin troppo soggettive; se un film non è piaciuto a me potrebbe invece aver sconvolto la vita di qualcun altro in positivo. Invece Horns è OGGETTIVAMENTE ORRENDO.

Tratto dall’omonimo romanzo (adattato in La Vendetta del Diavolo in Italia) di un figlio d’arte niente male come Joe Hill (suo padre è Stephen King), Horns sulla carta sembrava un horror niente male: si parlava di demoni e lo si faceva attraverso un volto conosciuto ed amato come quello di Daniel Radcliffe.

Ignatius Perrish (nome pessimo, ma mai quanto il soprannome con cui lo chiamano tutti: Ig -.- ) nonostante la giovane età era fidanzato da una vita con Merrin. Dopo l’efferato omicidio della ragazza, l’interà cittadina punta il dito contro Ig, sebbene il giovane non sia stato mai formalmente accusato per mancanza di prove. La vita di Ig è però un vero inferno: allontanato perfino dai suoi familiari, che non provano nemmeno a nascondergli che lo credono colpevole e sempre meno fiducioso nelle parole del suo avvocato (altro suo amico da una vita). In un momento di profondo masochismo, si reca una notte alla commemorazione della sua fidanzata, dove però rimane in disparte per evitare di essere linciato dalla folla. Profondamente colpito dalle dure parole del padre di Merrin nei suoi confronti, Ig perde completamente la testa e passa la notte ad ubriacarsi e compiere atti blasfemi (urinare sulle statue della Madonna), tanto che i postumi della notte brava saranno veramente terribili. Non passerà molto tempo che Ig si accorgerà di avere anche un bel paio di corna che gli stanno spuntando dalle tempie e che crescono di ora in ora. Non potendo più nasconderle, prova a farsele tagliare da un medico. Si accorgerà in quel momento che le corna hanno anche lo strano (ma utile) potere di soggiogare chiunque, spingendolo alla totale sincerità e a confessare ogni oscuro segreto. Questa caratteristica tipica dei Demoni più alti in grado, sarà l’arma segreta di Ig per scoprire la verità sull’omicidio dell’amata Merrin.

Horns è un film pieno di banalità talmente surreali ed infilate a forza che non fanno nemmeno ridere. Purtroppo, non avendo letto il libro, non so neppure a chi attribuire la colpa: se all’autore del libro o allo sceneggiatore del film. Ma capro espiatorio a parte, il risultato è un film trash e ridicolo, con un protagonista sprecato, intrappolato in effetti speciali da quattro soldi e una trama prevedibile e intrisa di squallore e romanticismo inserito a caso.

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival 2013 e il fatto che in giro si trovino poche recensioni lascia intendere che, questa volta, me la sono cercata (dovevo capirlo, insomma).

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.