A Londra i criminali non hanno vita facile se a dal loro la caccia c’è un energumeno dalla mano pesante e dal cuore tenero come John Luther.

 

Ispettore capo presso la SCU (Serious Crime Unit) della polizia britannica, lo conosciamo dopo una sospensione che gli è quasi costata il posto, dovuta all’accusa del tentato omicidio di un killer di bambini. Dal carattere irascibile e spesso al di fuori di ogni regolamento, Luther fatica a conciliare la sua vita privata con lo stress della sua professione.
Il turbolento e tormentato ispettore troverà la propria nemesi in Alice Morgan, intelligente assassina che prova una grande attrazione intellettuale per John, che per quanto ci provi, non riuscirà mai a trovare le prove per accusarla di omicidio.

Il rapporto tra i due cresce di episodio in episodio e si evolve fino a sembrare un’amicizia, un bisogno reciproco.

Due stagioni da incorniciare ed una quasi da dimenticare per questo intenso poliziesco inglese, ancora una volta incentrato sulla mente di un detective, che un colosso (di talento e di fattezze) come Idris Elba riesce a tratteggiare magistralmente. Una serie che coinvolge e crea dipendenza, giocando su storie ed atmosfere della Londra più violenta e su un personaggio in cui è veramente difficile non identificarsi almeno un po’.