Serie TV

MacGyver

macgyver

Lasciato il college prima della laurea, il giovane Angus MacGyver è la punta di diamante di un’organizzazione top secret governativa (DXS) con il compito all’apparenza impossibile di prevenire attacchi terroristici o crimini internazionali.

MacGyver è stato scelto per la sua intelligenza e la sua innata capacità di risolvere a suo favore ogni situazione, per quanto disperata, attraverso l’uso alternativo e creativo di oggetti di uso quotidiano.

Con lui, all’interno della task force con a capo la risoluta Patricia Thornton troviamo la sua fidanzata Nikki, abile hacker e l’ex militare e agente CIA Jack Dalton.

Il titolo e la trama ci riportano indietro di 30 anni, quando in America andò in onda per la prima volta la serie a cui questo remake vorrebbe rendere un degno tributo. Il biondo agente segreto non convenzionale e dai buoni sentimenti che risolveva ogni situazione disperata con graffette e coltellino svizzero é ora interpretato da Lucas Till, che in comune con l’attore originale ha una capanna di capelli biondi in testa. Affiancato dall’ex veterano di CSI George Eads, che sembra molto a suo agio nei panni dell’uomo d’azione, ci presenta un MacGyver moderno ed altezzoso, che non perde occasione per vantarsi delle sue doti e nel mostrare i suoi trucchetti anche quando non richiesto.

 

Fin da subito ci viene da storcere il naso di fronte ad un protagonista così egocentrico e vanitoso, che incarna un personaggio che era simpatico e geniale negli anni ’80 e che trasportato ai giorni nostri somiglia ad quel compagno di classe a cui piaceva mettersi in mostra e che odiavamo tutti.

MacGyver è quindi l’ennesimo tentativo fallito di questa televisione moderna senza idee originali di attirare pubblico puntando sui grandi nomi, sui ritorni eccellenti e tentando di ampliare l’audience con gli ex spettatori annoiati che rimpiangono la tv di un tempo. Esperimento fallito.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.