Serie TV

The Returned

Un paio di anni fa pubblico e critica acclamarono una serie di produzione francese, andata in onda su Canal+ dal titolo Les Revenants, che in italiano assume lo stesso significato di questo suo “clone” americanissimo, e che ci introduce alcuni personaggi, per l’appunto, ritornati in vita. In questo caso iniziamo subito a conoscere Camille, morta a sedici anni insieme ad alcuni compagni di scuola precipitando da un dirupo con lo scuolabus. La ritroviamo che vaga dal luogo dell’incidente fino a casa, apparentemente immutata d’aspetto, inconsapevole che nella realtà non siano passate poche ore ma anni. Per questo sia a sua mamma che soprattutto alla sorella gemella viene un coccolone appena la vedono rientrare in casa.

  

Conosceremo pian piano altri personaggi, deceduti in circostanze diverse e decisi a riprendersi ognuno la propria vita, chi cercando di riconquistare una vecchia fiamma, chi decidendo che vivere (di nuovo) sia intollerabile. Una storia intrigante che ricorda moltissimo l’originale transalpino, seppure visibilmente adattato per i gusti d’oltreoceano (faccio riferimento in questo caso alle scelte di casting) e che nel passaggio perde molta della forza narrativa, riducendo enormemente l’alone di mistero attorno al paese e agli avvenimenti. Un problema analogo lo ha avuto Gracepoint, trasposizione dell’ottimo Broadchurch, che malgrado le buone intenzioni e la scelta di mantenere l’attore protagonista, è risultato essere una brutta copia dell’originale britannico.In questo caso gli sforzi sono stati meglio ripagati ed il risultato è egregio, godibile ed interessante, seppur neanche lontanamente paragonabile all’originale.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.